Corrado Delfini, di Lorenzo Canova

Intrecci complessi di linee, angoli e diagonali che si fanno strada nel nero, uno spazio oscuro che grava come una minaccia mentre le impronte delle cose e la pittura si saldano in una fusione densa di colore e di segni: le ultime opere di Corrado Delfini evidenziano uno sviluppo della sua discesa nel corpo della materia, in una visione sospesa tra stratificazione e sottrazione ancora in bilico tra il riemergere dell’immagine e la sua sparizione. Delfini appare così impegnato in un’operazione di decostruzione e di ricomposizione del suo metodo di ideazione e realizzazione del quadro, dando un senso differente al suo rigore compositivo, arricchendo la sua visione cromatica di nuovi contrasti e di nuove accensioni, in una dialettica costruttiva che mette in discussione le sue stesse certezze per aprirsi a nuove possibilità, per trovare una più salda e rinnovata felicità compositiva che annuncia il suo nuovo viaggio attraverso la pittura.

Corrado Delfini è un pittore concettuale di arte contemporanea a Roma
Corrado Delfini è un pittore concettuale di arte contemporanea a Roma